I datteri sono un alimento tipico del bacino del Mediterraneo, in particolare dell’Africa e dell’Asia occidentale.
Sono composti per il 20 – 30 % d’acqua, per il 50-70% di zuccheri, per il 2,7% di proteine e per lo 0,6%  di grassi. Il loro apporto calorico è simile ad altri frutti per il frutto fresco (142 Kcal) mentre aumenta del dattero secco (282 Kcal), quello che troviamo più comunemente sulle nostre tavole.
Sono ricchi di
ferro, vitamine e sali minerali.  In particolare contengono vitamine del gruppo B, come le vitamine B1, B2, B3 e B5, vitamina C ed E. Per quanto riguarda i minerali, sono presenti elevate quantità di potassio e magnesio e discrete quantità di fosforo, calcio, selenio, sodio,  rame, zinco, manganese e ferro. I datteri sono inoltre ricchi in fibra, soprattutto insolubile (7.49 g/100 g parte edibile).
I datteri sono facilmente digeribili, per cui favoriscono un veloce recupero dell’energia per via del loro contenuto di zuccheri naturali, come il fruttosio. Per questo motivo possono utilizzarli per preparare una colazione energetica, nei frullati di frutta o spezzettati in abbinamento con frutta e cereali per creare un muesli casalingo.
Durante il Ramadan, i fedeli per tradizione consumano datteri, più spesso al tramonto appena sospeso il digiuno, da soli o abbinati ad altri alimenti come per esempio lo yogurt. In questo modo recuperano velocemente le energie e si preparano a consumare il pasto della cena.
Essendo ricchi in carboidrati, soprattutto semplici, con un rapporto fruttosio/glucosio pari a 1:1, i datteri hanno un indice glicemico basso, circa 42.
Pertanto non provocando importanti escursioni glicemiche, possono essere consumati in quantità moderata anche dalle persone con diabete, purché nell’ambito di una dieta equilibrata.
Rappresentano inoltre uno spezzafame salutare
, soprattutto se si fa attenzione ad evitare i datteri conservati con additivi artificiali e sciroppo di glucosio. Uno snack a base di datteri è un ottimo  integratore di magnesio e potassio per gli sportivi durante o dopo gli allenamenti e per tutti nel corso della giornata.
I  datteri sono consigliati non solo agli sportivi ma a tutte le persone impegnate in attività fisiche impegnative. Hanno anche  proprietà antiinfiammatorie, per cui possono essere consumati in decotto col miele per aiutare le vie respiratorie o per curare problemi di infiammazione intestinale.

Consigli pratici:

  • Trattamento delle vie respiratorie: cuocere 100 gr di datteri in 1/2 litro di latte per alcuni minuti e aggiungere un cucchiaio di miele.
  • Trattamento della stipsi: immergere i datteri per una notte in acqua, quindi ingerirli al mattino così inzuppati e bere anche la loro acqua di macerazione. In decotto questi frutti aiutano anche in caso di infiammazioni intestinali.

 

Pin It on Pinterest