La crema Budwig è una prima colazione, per alcuni addirittura la “colazione perfetta”, che permette un ottimo inizio di giornata ed un senso di sazietà fino a pranzo.
Questa crema è originale del metodo Kousmine, anche se è stata ripresa in alcune varianti da altre diete.
Il Metodo Kousmine, dal nome della dottoressa svizzera di origine russa che lo ha ideato, si è rivelato estremamente efficace nel migliorare le risposte del sistema immunitario e quindi nel prevenire e combattere numerose malattie autoimmuni fra cui la sclerosi multipla, la colite ulcerosa, la malattia di Crohn, la spondilite anchilosante, l’artrite reumatoide, il lupus eritematoso, ecc. .

Il metodo Kousmine si basa si basa su quattro “pilastri”:
– una sana alimentazione
– la lotta contro l’anormale acidificazione dell’organismo;
– l’igiene intestinale;
– l’uso di appropriati integratori

Molto utile per chi è malato, questo metodo aiuta anche le persone sane a prevenire le malattie e rafforzare il loro stato di salute.
Ma veniamo al  piatto per eccellenza del metodo Kousmine, cioè la colazione, rappresentata dalla famosa crema.
La crema Budwig a colazione è un pasto perfetto, equilibrato che fornisce tutto quello che serve al nostro organismo. Alcuni sostengono addirittura che sia troppo sostanziosa; io personalmente mi sono trovata benissimo con la dose completa.
Questa è la ricetta

Ingredienti:

  •          120g di yogurt magro (capra o vaccino o soia) o 70g di tofu 0 70g di ricotta magra. Anche una purea di legumi (borlotti, azuki o cannellini)
  •          mezza banana (o 1 cucchiaio di miele)
  •          1 ½ cucchiaio di semi di lino appena macinati
  •          2 cucchiai di semi oleosi crudi appena macinati non tostati (noci*, nocciole, mandorle, semi di sesamo, semi di girasole, semi di zucca…) *5-6 noci possono essere aggiunte in alternativa ai semi di lino per qualche tempo
  •          1 cucchiaio di cereali crudi finemente macinati al momento (riso, grano saraceno, avena, miglio, orzo…evitando il grano, farro e orzo)
  •          1 frutto di stagione (100g o più)
  •          il succo di mezzo limone
  •          (una spolverata di cannella d’inverno – facoltativo)

 Consiglio di dotarvi di un macina caffè (per tritare i semi) e  provarla la prima volta nel fine settimana, quando avete un po’ più di tempo a  disposizione. Una volta che ci avrete preso la mano non impiegherete più di 10 minuti a prepararla!

 

 

Pin It on Pinterest