Molte persone pensano che l’arrivo delle vacanze di Natale possa essere un momento critico per il loro regime alimentare. Probabilmente se guardiamo soltanto l’apporto calorico questo è vero. E’  facile infatti che la quantità di cibo aumenti durante le vacanze natalizie: più pranzi, cene, aperitivi con colleghi, cibi invitanti che rimangono per casa…etc. Però non dobbiamo scordarci che il cibo per noi uomini riveste anche un’ altro significato. La condivisione del cibo ha un enorme valore non solo per il genere Homo Sapiens (a cui noi apparteniamo) ma anche per i nostri cugini primi, gli scimpanzé: una scimmia che condivide un frutto o un Italiano che prepara tavola e pietanze per 15 persone sono infatti da un punto di vista etologico sullo stesso piano.
La condivisione del cibo rafforza le unioni familiari e sociali, riduce l’aggressività all’interno della stessa specie e permette il consolidamento di una rete di relazioni fondamentali per benessere. L’uomo è un animale sociale ed è giusto che nei momenti di vacanza  conceda un adeguato spazio alle occasioni di condivisioni del cibo.
Detto questo è ovvio che chi soffre di sovrappeso o sta seguendo un regime alimentare per la sua salute non può concedersi proprio tutto… Vi lascio quindi con tre semplici raccomandazioni:

  1. Dimezzate la quantità di pandoro e panettone alla fine del pasto Natalizio: invece che una fetta fatevi tagliare mezza fetta, va bene lo stesso. E così passiamo da 360 kcal a sole 180! Assolutamente vietata la fetta di Pandoro o Panettone con il latte la sera dopo il pranzo per tenersi “leggero”! Ricordatevi inoltre che il Pandoro è più calorico del panettone classico (400kcal vs 360kcal circa)
  2. Dopo i pranzi di Natale, andate a fare una passeggiata di almeno un’ora a ritmo costante senza interruzioni. Ideale sarebbe lasciare la borsetta a casa e camminare con un paio di scarpe da ginnastica. Lo stesso vale per gli uomini: niente giornale da leggere sulla panchina!
  3. Se proprio non potete fare a meno di aperitivi e brindisi con colleghi e amici, cercate di ridurre l’apporto di carboidrati e limitate il pasto successivo ad una porzione di passato di verdure (no parmigiano o pasta o riso)

Detto questo vi faccio i migliori auguri di buone feste e vi lascio con la celebre frase

“Non si ingrassa fra Natale e Capodanno ma fra Capodanno e Natale”

Auguri a tutti!

 

Pin It on Pinterest