LA DIETA

Molto spesso la gente utilizza il termine dieta in senso negativo, senza pensare al significato etimologico della parola greca δίαιτα, dìaita, che significa letteralmente “modo di vivere”. Proprio per la connotazione negativa che si associa spesso alla dieta preferisco utilizzare con i miei pazienti il termine di programma alimentare, che indica un regime di alimentazione e prescrizioni comportamentali. Queste ultime riguardano principalmente l’attività fisica: la sedentarietà è sicuramente una delle principali cause del  sovrappeso e non si può pensare di seguire una dieta senza inserire una moderata attività fisica.

Il programma alimentare deve essere tecnicamente bilanciato, variato e moderatamente personalizzato: è inutile credere che esista una dieta unica che vada bene per tutti. Chiunque decida di seguire un programma alimentare deve sapere che il punto cruciale di ogni dieta è la disciplina e la moderazione.
Nella nostra società molto spesso si utilizza il cibo come riempitivo, per combattere l’insicurezza o per gratificarsi dagli stress accumulati. Tuttavia il cibo fornisce tranquillità e appagamento solo a breve durata, poichè  poi diventa lui stesso un problema. Ecco che allora si ingrassa, si modifica il proprio corpo e di conseguenza cala l’autostima ed aumenta l’insoddisfazione.  Lo stesso vale per chi perde il piacere del cibo ed inizia a dimagrire indiscriminatamente. Per questo è importante intraprendere un corretto programma alimentare non appena ci accorgiamo che qualcosa della nostra alimentazione sta sfuggendo al controllo. Non si tratta di moda o stereotipi sociali ; la maggior parte delle persone che si mette a dieta normalmente vuole recuperare un rapporto sereno e armonico con il proprio corpo, sia che si tratti di perdere o di acquistare peso.

 

Ed è lì che comincia il mio lavoro

 

Pin It on Pinterest